Esplora le esposizioni (4 in totale)

A grand passion: photography Remembering P. Gerhard Ruf ten years on

senza titolo-3-Modifica-Modifica.jpg

Ten years after the sudden death of P. Gerhard Ruf (Kaiserslautern 1927 – Assisi 2008), Conventual Franciscan Friar of the Province of Germany, the Photographic Archives of the Sacred Convent honors and remembers him with gratitude through this photographic exhibition.Fr. Gerhard was in fact the founder of the Archives, it was his “creature” tenaciously desired and built piece by piece through the years, with passion and perseverance. 

During a period when visual documentation was considered less necessary than today, he conducted various photographic campaigns of the iconographic patrimony of the Basilica, and collected many images of other Franciscan places and artistic objects, ensuring photographic coverage of the events held in the sanctuary complex. Thanks to his activity as a photographer – he provided photos through the years to many scholars, which were always appreciated for their high quality – he found financing for the acquisition of furnishings, tools, and photographic materials, such as the innumerable negatives and analogue printsthat are still preserved. 

With the rise of digital formats - while remaining fundamentally tied for training and sensitivity to analogue photos- he encouraged the development of a new section of the Archives, assisted by his colleague and friend, Stefan Diller, a photographer from Würzburg.  Though no longer a young man, he was open without reserve to the computer revolution as applied to photography, appreciating in a special way the possibilities it offered to use new instruments to catalog images. But reflecting on the character to give this exhibition, we realized that as much as the passion for photography was an “inseparable” part of the person of Fr. Ruf – always with his camera and attached shoulder strap! – it would clearly not exhaust the dimensions of his human and Franciscan experience, and maybe could not even be taken as its characteristic element.

Gerhard was in fact above all “the friar of the German pilgrims”. Having entered the novitiate in 1947 – after participating in the Second World War and being imprisoned for six months in Russia – and being ordained a priest in 1953, after several years of pastoral ministry in Germany, he arrived in Assisi in 1959 to welcome German-speaking pilgrims visiting the Basilica, and for the next 50 years the Sacred Convent was his home. It would be difficult to guess how many pilgrims he welcomed – always with a smile and usually with a joke – into the piazza of the basilica to initiate their guided visit of the shrine.  He began this service with a little trepidation, but eventually, with the passage of time, he became passionate about it.  The desire to carry out his work duly prepared led him to deepen through self-study his knowledge of the story of art and the masterpieces in the basilica in a special way, a study lasting decades that led him to publish several valuable works, both by himself and in collaboration with others.

This service of hospitality was flanked for about thirty years – from 1969 to 1999 – by his service to the German language community of Florence.  Every Saturday evening the “commuter” would drive the 200 kilometers from Assisi to Florence, in a white Golf made available by the German Episcopal Conference, in any weather until he was 72 years old. With the kidnapping in July 1980 in Tuscany of three young people, Sabine and Susanne Kronzucker and their cousin Marin Wachtler – an episode depicted in one of the panels – Fr. Gerhard considered that it would be no more nor less that his precise duty as “pastor of Germans in Tuscany” to be near to the family, and even to play the dangerous and delicate role of mediator between the family and the kidnappers, a gesture for which he was recognized by the German government.  Another aspect that the exposition notes is his relationship of collaboration and help to art history researchers, who found in him a competent and sensitive interlocutor, able to understand their needs and to enter into fruitful discussion.  Speaking to this aspect is Prof. Joachim Poeschke, author of various publications on the frescoes of the basilica, who deserves our thanks in a special way for his availability. 

Regarding the selection of photographs for this exhibition, from a collection extremely vast and varied, we chose to value those that best display the character of Fr. Gerhard as the “internal” photographer of the community of the Sacred Convent.  The ability to enter places less well-known or areas completely off-limits to outside visitors allowed him to document corners of the convent that today, after structural modifications, have a completely different aspect, or to entrust to history a snapshot of activities spanning many centuries but now disappeared forever, for example of the bell ringers who in the past used to ring the monumental bells of the basilica by hand.  Then again, his familiarity with the basilica, developed day by day over time, refined in him the capacity to isolate and value its particular details, to grasp the nuances that only an unusual angle or quality of light patiently sought and anticipated could render.

We hope you all enjoy the exhibit!

Edited by

Fra Carlo Bottero - Stefan Diller

Fra Thomas Freidel - Giorgia Menghinella

Translation by

Michael Toczek

--------------------------

archiviofotsc@gmail.com

www.fotosacroconvento.it

Alchimia visuale. Le illustrazioni dei manoscritti alchemici della Biblioteca del Sacro Convento

8.4. I quattro elementi e le qualità della materia (ms. 19, c. 142v)..jpg

Nel Fondo dei manoscritti moderni della Biblioteca comunale di Assisi – attualmente depositato presso la Biblioteca del Sacro Convento – si conserva un interessantisimo gruppo di manoscritti alchemici, caratterizzati dalla presenza di un ampio e variegato corredo di illustrazioni. I manoscritti, databili tra Cinquecento e Seicento, provengono dalla Biblioteca del convento della Porziuncola – tranne uno, proveniente invece dal Sacro Convento - e furono incamerati dal Comune di Assisi a seguito delle soppressioni degli ordini religiosi che accompagnarono, a partire dal 1861, il processo dell’Unità d’Italia.

La presentazione di questo corpus iconografico offre non solo il pretesto per introdurre virtualmente il visitatore in uno degli ambiti meno noti e studiati della Biblioteca del Sacro Convento, ma anche per alcune puntualizzazioni circa un tema interessante quanto controverso, ovvero l’interesse per l’alchimia manifestato nel corso dei secoli da numerosi esponenti dell’Ordine francescano, non solo a livello teorico, ma soprattutto nella pratica.

Dopo alcuni cenni di contestualizzazione sui versanti storico e concettuale, verranno offerti dei saggi di analisi di alcune delle illustrazioni più significative, espressione di una dottrina a tratti oscura e da noi ormai culturalmente remota. Scopo della mostra è evidenziare come i “francescani alchimisti”, pur nella diversità di sottolineature, si proponevano fondamentalmente uno scopo: indagare le leggi che presiedono ai processi di “perfezionamento” della materia e dello spirito umano, per sfruttare le virtualità presenti nella natura al fine di prestare soccorso a bisognosi ed ammalati.

Mostra curata da:

Prof. Paolo Capitanucci, docente di Filosofia presso l’Istituto Teologico di Assisi, con la collaborazione di fra Carlo Bottero, direttore della Biblioteca del Sacro Convento, e della dott.ssa Giorgia Menghinella, curatrice dell’Archivio fotografico del Sacro Convento.

Bibliografia essenziale: 

R. HalleuxLes textes alchimiques, Turnhout: Brepols, 1979.

Inventari dei manoscritti delle biblioteche d'Italia. Vol. 104: Assisi, Biblioteca del Convento di S. Francesco “Fondo Moderno”, a cura di G. Casagrande, A. d'Alessandro e S. Gigante, Firenze: Leo S. Olschki, 1998.

C. Crisciani – M. Pereira, L’arte del sole e della luna. Alchimia e filosofia nel Medioevo, Spoleto: CISAM, 1996.

Il “Testamentum” alchemico attribuito a Raimondo Lullo, a cura di  M. Pereira e B. Spaggiari, Tavarnuzze: SISMEL Edizioni del Galluzzo, 1999.

M. Pereira, Arcana sapienza: l'alchimia dalle origini a Jung, Roma: Carocci, 2001.

M. Gabriele, Alchimia e iconologia, Udine: Forum, 2002.

C. Crisciani, Il papa e l’alchimia: Felice V, Guglielmo Fabri e l’elixir, Roma: Viella, 2002.

W.R. Newman, Promethean Ambitions. Alchemy and the Quest to Perfect Nature, Chicago: Chicago UP, 2004.

C. Crisciani, Alchimia e potere: presenze francescane (secoli XIII-XIV), in I Francescani e la politica (sec. XIII-XVII). Atti del Convegno internazionale, Palermo 3-7.12.2002, a cura di A. Musco, Palermo: Officina di Studi Medievali, 2007, pp. 223-235.

M. Pereira, I Francescani e l’alchimia, in I Francescani e la scienza. Atti del Convegno, Assisi 9.10.2006: “Convivium Assisiense” NS, 10 (2008) 1, pp. 117-157.

M. Gabriele, Il primo giorno del mondo, Milano: Adelphi, 2016.

Z.A. Matus, Franciscans and the Elixir of Life. Religion and Science in the Later Middle Ages, Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 2017.

La documentazione fotografica della leggenda francescana di Giotto da Gabriele Carloforti ai giorni nostri

De Giovanni - Assisi - San Francesco istituisce a Greccio il Presepe, 1960 ca.. Stampa alla gelatina ai sali d'argento.

Uno dei soggetti che meglio si presta ad una presentazione della collezione dell’Archivio fotografico del Sacro Convento, esaminata nel suo sviluppo diacronico, è il ciclo della cosiddetta Leggenda francescana, dipinta da Giotto nella navata della Chiesa superiore della Basilica di S. Francesco in Assisi, negli anni 1292-1296.

Per questa mostra è stata scelta la scena del Presepe di Greccio quale fil rouge delle campagne fotografiche che dal 1884 ad oggi hanno interessato la Leggenda giottesca. Tra i nomi dei fotografi e delle società fotografiche che hanno realizzato campagne comprendenti la Leggenda troviamo Gabriele Carloforti, i Fratelli Alinari, Bencini e Sansoni, Ghigo Roli per Franco Cosimo Panini, Haltadefinizione, in un percorso che dalle lastre in vetro al collodio e alla gelatina ai sali d’argento giunge alle immagini in altissima definizione per una qualità di stampa in rapporto 1:1.

Un interessante spaccato della evoluzione delle tecniche fotografiche, e soprattutto delle vicende conservative e delle campagne di restauro di uno dei capolavori artistici del Medioevo occidentale.

Mostra curata da: 

Giorgia Menghinella; Carlo Bottero

Esposizione dei paramenti liturgici ed altri manufatti tessili della Basilica e Sacro Convento in Assisi

insieme quadrato.jpg

Tra i primi doni che pervennero alla Basilica voluta da papa Gregorio IX per custodire il corpo di san Francesco, ci sono quelli che lo stesso Pontefice inviò in occasione della traslazione dei resti mortali del Santo dalla provvisoria sepoltura in San Giorgio avvenuta il 24 maggio 1230. Ne fa cenno la Leggenda dei tre compagni indicando tra essi «splendidi parati sacri» (72: Fonti francescane 1486). 

A quegli anni rimandano i due dossali di manifattura palermitana del primo quarto del secolo XIII custoditi oggi presso il Museo del Tesoro, che la tradizione vuole utilizzati per avvolgere se non proprio il corpo del Santo, la sua bara, e perciò custoditi nel tempo come vere e proprie reliquie (cf R. Bonito Fanelli). Ma, come è facile prevedere per una tipologia di materiale così delicato e così facilmente logorabile come il tessuto, poco o nulla di questo patrimonio è giunto fino a noi.

Di quello dei secoli XIV e XV ne rimane pressoché traccia solo negli antichi inventari ad eccezione di alcuni superstiti che sono comunque veri e propri capolavori: il paliotto detto “di Sisto IV” (manifattura fiorentina con disegni attribuiti ad Antonio del Pollaiolo, databile tra il 1476 e il 1478) e l’arazzo fiammingo con la raffigurazione dell’Albero francescano (detto anche “arazzo di Sisto IV”, databile tra il 1471 e il 1482), probabile dono dello stesso Pontefice che, se non ne fu il committente, ne fu certamente il destinatario (cf M. Ferrero Viale). Qualcosa in più rimane della dotazione dei secoli successivi. Nella sacrestia della Chiesa superiore sono conservati infatti preziosi paramenti per lo più dei secoli XVII e XVIII in cui «sono rappresentate tipologie diverse per armatura e disegno. Numerosi sono i tessuti ricamati e quelli lanciati e broccati in sete policrome e filati metallici (argento e oro), rifiniti con importanti trine e passamanerie. Molti paramenti conservano ancora le fodere originarie, in fibra vegetale e con il caratteristico aspetto cerato. Si conservano altresì elementi diversi di uno stesso paramentale: piviale, tonacella, pianeta, stola». (L. D’Agostino).

Mostra curata da:

Giorgia Menghinella; Barbara Santoro; Maurizio Bazzoni

Bibliografia essenziale:

R. Bonito Fanelli, Tessuti e ricami, in Il Tesoro della Basilica di San Francesco ad Assisi. Saggi e Catalogo, Assisi, Casa Editrice Francescana, 1980, pp. 77-85

L. D’Agostino, Relazione sulle condizioni conservative ed espositive di paramenti, arredi sacri e altri manufatti tessili della Basilica e del Sacro Convento di San Francesco in Assisi a seguito del sopralluogo del 27 marzo 2012, Roma 2 aprile 2012.

M. Ferrero Viale, L’albero francescano, in Il Tesoro della Basilica di San Francesco ad Assisi. Saggi e Catalogo, Assisi, Casa Editrice Francescana, 1980, pp. 159-165.