Lupo

BI. Parete sinistra cappella S. Caterina. Affresco. Lupi nella selva nell'episodio del martirio dei filosofi, Andrea da Bologna, 1368.<br />
BI. Imposta sinistra portale ligneo. Rilievo. Francesco ammansisce il lupo di Gubbio, Nicolò da Cagli, 1550.<br />

In ogni caso, il lupo è presentato come sim­bolo di mali oscuri: morali e sociali. La fo­resta acuisce tale simbolismo. Secondo una lettura simbolica-sociale, anche nel caso del rapace lupo di Gubbio ammansito dal Santo (Fioretti di San Francesco, XXI) si tratta di una "favola a sfondo didattico sociale", allu­dente all'opera del Santo in difesa del popolo debole. Emblematicamente raffigurato con la città alle spalle, Francesco è di fronte al si­gnorotto-lupo feudale, rappresentato in vece proveniente dalla campagna. Invenzione fio­rettistica del Trecento, l'episodio del lupo di Gubbio era apparso affrescato per la prima volta nel coro della chiesa di San Francesco a Pienza (inizio sec. XV).